RETROSPETTIVA (DEPECHE MODE) parte ii

depache mode, retrospettiva depache mode, storia depache mode, biografia depache mode, discografia depache mode, storia, retrospettiva, biografia, musica

Dopo un tour dell'Inghilterra e dell'Europa, Vince Clarke abbandonò il gruppo per fondare la band Yazoo. Fu sostituito da Alan Wilder in concomitanza con l'uscita del loro quarto singolo "The Meaning Of Love". Nel 1982 usci "A Broken Frame", e nell'83 "Construction time again", che conteneva "Everything Counts". Con L'uscita nel 1984 di "People  Are People" il pubblico americano entrò in contatto con un fenomeno musicale che era ormai ben consolidato in Europa. Questo album fu il primo successo nord americano per i Depeche Mode, al quale seguirono "Some Great Reward" e, nei due anni successivi, "The Singles 81-85" e "Black Celebration". Con questo album il suono del gruppo divenne, come disse Martin Gore, "più duro". Ma il disco non fu facile da registrare poiché Martin aveva un'idea ben precisa di come il sound doveva essere e le canzoni riflettono quanto per la band  deve essere stato difficile registrare. "Se mai ci fu un periodo in cui il gruppo si sarebbe potuto sciogliere sarebbe stato durante la registrazione di "Black Celebration". Tra l'altro, dopo aver passato tre settimane a perfezionare il singolo "Stripped" la casa discografica decise invece di puntare su "But Not Tonight", che era stato registrato in un solo giorno. Il dispiacere della band arrivo cosi, davvero, a livelli di guardia.